Torna alla homepage
CHI SIAMO COMITATO SCIENTIFICO COME ADERIRE CONTATTI
cerca
 
Homepage
Notizie in primo piano
FAQs (BPCO: Cosa Sapere)
Giornata Mondiale BPCO
Sezioni territoriali
Testimonianze
Video BPCO
Link
Facebook
 
 
 
 
 
FAQs
Gravità della BPCO
Come si classifica la gravità della BPCO?
Le linee guida internazionali GOLD (aggiornamento 2008) propongono una classificazione su quattro livelli, sulla base di parametri funzionali (spirometrici).
Gravità
Caratteristiche clinico-funzionali
I Lieve
VEMS/CVF < 0.7; VEMS >= 80% del teorico
II Moderata
VEMS/CVF< 0.7; 50% =< VEMS < 80%
III Grave
VEMS/CVF < 0.7; 30% =< VEMS < 50%
IV Molto grave
VVEMS/CVF < 0.7; VEMS < 30% del teorico o
VEMS < 50% del teorico in presenza di
insufficienza respiratoria (PaO2 < 60 mmHg)
Definizioni:
VEMS: Volume Espiratorio Massimo al 1° Secondo.
CVF: Capacità Vitale Forzata, massima quantità di aria che possiamo mobilizzare con una inspirazione profonda seguita da un’espirazione profonda eseguite lentamente.
VEMS/CVF: Percentuale del VEMS in rapporto alla Capacità Vitale Forzata. E’ un indice di ostruzione.
Insufficienza respiratoria: Pressione parziale dell'ossigeno arterioso (PaO2) inferiore a 60mm Hg, con o senza una pressione parziale della CO2 (PaCO2) maggiore di 45 mm Hg, mentre il paziente si trova in aria ambiente a livello del mare.
È evidente che, come ogni classificazione, anche questa ha un valore prevalentemente indicativo e, quindi, talora può essere difficile farvi rientrare esattamente il singolo paziente. Il fatto che la valutazione di gravità della BPCO si basi soprattutto su criteri funzionali respiratori sottolinea anche quanto sia importante eseguire con una certa frequenza esami spirometrici e, se il paziente è già affetto da insufficienza respiratoria, anche controlli dell’emogasanalisi arteriosa (esame della pressione parziale di ossigeno e di anidride carbonica nel sangue arterioso, come indice della funzionalità del polmone). Questo servirà al medico per valutare se il danno anatomo-funzionale respiratorio progredisca con maggiore o minore rapidità, suggerendo gli eventuali provvedimenti volti a rallentare questa progressione. La valutazione della funzionalità respiratoria è quindi strumento essenziale per il monitoraggio di tali pazienti.
indice
| Privacy e Cookies |
| Termini e condizioni di utilizzo |
© Associazione Italiana Pazienti BPCO ONLUS
C.F. 03202030965
Powered by
Effetti srl