Torna alla homepage
CHI SIAMO COME ADERIRE CONTATTI
cerca
 
Homepage
Notizie in primo piano
FAQs (BPCO: Cosa Sapere)
Giornata Mondiale BPCO
Sezioni territoriali
Eventi e Appuntamenti
Testimonianze
Video BPCO
Link
Testimonial
Facebook
 
 
 
 
 
Notizie in primo piano
Indietro
Che cos’è l’ossigenoterapia?
 

È una terapia molto efficace in tutte quelle forme di BPCO che si accompagnano a diminuzione stabile dell’ossigeno nel sangue arterioso a causa del funzionamento difettoso dei polmoni. Lo scopo dell’ossigenoterapia a lungo termine (OLT) è quello di incrementare il livello di ossigeno nel sangue ed è indicata nell’insufficiente respiratorio cronico che è stabilmente ipossiemico (cioè ha valori di ossigeno nel sangue arterioso bassi, inferiori a 55 mmHg).
I vantaggi dell’ossigenoterapia sono:

  • Allungamento della sopravvivenza
  • Miglioramento della qualità della vita
  • Riduzione del numero di infezioni polmonari a cui il malato può andare incontro
  • Aumento della capacità di eseguire attività fisiche che richiedono un certo sforzo
  • Miglioramento della qualità del sonno e della memoria.

I benefici dell’ossigenoterapia si osservano solo se è praticata correttamente, in modo regolare e continuativo. Alcuni dei pazienti che presentano insufficienza respiratoria cronica possono beneficiare di un trattamento ventilatorio non invasivo (NIV).

Ossigenoterapia: i consigli dello pneumologo

  • L’ossigeno è un farmaco e l’ossigenoterapia è un trattamento medico
  • Seguire attentamente le prescrizioni del medico: assumere l’ossigeno esattamente al flusso prescritto e per il numero di ore giornaliere prescritte e senza interruzioni
  • Se non si rispetta questa modalità l’ossigenoterapia può risultare inefficace o essere addirittura controindicata. Non variare autonomamente il flusso dell’ossigeno.

È necessario chiedere il controllo medico nelle seguenti situazioni:

  • Comparsa di febbre
  • Aumento della tosse o del catarro (specie se questo diventa giallo o verde)
  • Aumento dell’affanno
  • Aumento del peso corporeo o comparsa di gonfiore ai piedi
  • Sensazione di cardiopalmo, tachicardia o irregolarità del ritmo
  • Insorgenza di cefalea, irritabilità, cambiamento dell’umore (depressione e/o ansia)
  • Sonnolenza

Non far fumare nessuno vicino all’ossigeno e tenere l’ossigeno lontano da fonti di calore o fiamme. Occorre sapere sempre a chi rivolgersi per ogni necessità e tenere a portata di mano i numeri di telefono utili. Può essere di aiuto avere un’agenda per registrare le date dei controlli e le date di consegna dell’ossigeno, per effettuare le richieste in tempo.

| Privacy e Cookies |
| Termini e condizioni di utilizzo |
© Associazione Italiana Pazienti BPCO ONLUS
C.F. 03202030965
Powered by
Effetti srl